NEWS

 SANTA MARGHERITA DA CORTONA
 Celebrazione 22 Febbraio

SANTA MARGHERITA DA CORTONA

Celebrazione 22 Febbraio

pubblicato il16/02/2016 06:45:22 sezione News


Margherita da Cortona, la santa che ricordiamo in questo mese di febbraio, ha una caratteristica presente in tutta la sua vita: l’essere stata sempre innamorata, l’esser vissuta sempre di amore totale. È una santa per molti versi moderna (o post moderna?) almeno nella prima parte della sua vita, e per altri è antica (nella seconda parte) cioè portatrice di quella santità classica, con tutti gli ingredienti, apertamente o velatamente presenti in tutti i santi di Dio, come vedremo più avanti.

Margherita è stata una donna ardente d’amore profano nella prima parte della vita, e nella seconda,dopo la conversione, si consumò, come una candela, per il suo amore a Gesù Cristo

Margherita nacque nel 1247 a Laviano, in Umbria. Quindi è una santa umbra, anche se è vissuta per più di 25 anni a Cortona, sul versante toscano del Lago Trasimeno. Come si vede siamo a pochi anni dalla morte di San Francesco (1232), la cui luce e fama di santità si poteva respirare non solo in Umbria ma in tutta Italia. Anche Margherita entrerà in questo cono di luce e di santità francescana.
Suo padre si chiamava Tancredi, e coltivava, con discreto successo, alcuni terreni di proprietà del comune di Perugia.

Purtroppo già all’età di 9 anni Margherita rimase orfana della madre. Un colpo molto duro e difficile da superare per lei ancora bambina, bisognosa della guida e dell’affetto materno. A complicare la già difficile situazione ci pensò la nuova donna che arrivò in casa, dopo le seconde nozze del padre: avrebbe dovuto essere per lei una seconda madre, ma purtroppo si rivelò solo una matrigna, in tutti i sensi. Margherita per lei non era una figlia, ma una figliastra. E questo era tutto. Si comportò verso di lei in maniera ostile e ruvida, fu scorbutica e anche gelosa.

Per Margherita le cose si complicarono sempre di più, poiché alle normali difficoltà della crescita dovuta alla fanciullezza e poi all’adolescenza, si aggiunsero i continui maltrattamenti inflitti dal comportamento della matrigna. Non c’è molto da meravigliarsi dell’assenza del padre in questa faccenda. Già allora, e per molti secoli a venire, l’educazione dei figli era principalmente demandata alla madre.
Non passava certo inosservata, la sua bellezza. Infatti a 16 anni (o 18?) conobbe un giovane nobile (e ricco), di Montepulciano, passato alla storia come Arsenio.
Questi la convinse a fuggire e a rifugiarsi nel castello di famiglia. Margherita si lasciò facilmente e comprensibilmente convincere. Sembrava che quell’incontro aprisse nuovi orizzonti, più ampi di quelli della famiglia, più confortanti e meno angoscianti del presente.

Secondo una tradizione sarebbe vissuta o meglio convissuta (e qui c’è l’aspetto “moderno” di Margherita) per ben nove anni. Secondo qualche biografo ci fu anche la convalida della convivenza davanti ad un notaio. Però niente matrimonio religioso ufficiale, per l’opposizione della famiglia di lui.
Un particolare importante: l’arrivo di un figlio, Jacopo. Questa la situazione fino alla morte improvvisa dell’Arsenio, sembra durante una partita di caccia. Margherita guidata dal suo cane (elemento curioso presente nella sua iconografia) ritrovò il suo cadavere. A quella vista rimase profondamente scossa. Ma non si scoraggiò. Rifiutata dalla famiglia di lui, Margherita prese il figlio e andò via dal castello.
Logicamente fu rifiutata anche dalla casa paterna, dove imperava sempre la matrigna. .
Margherita era anche adesso una donna innamorata, questa volta di Dio (cosa che non le impedirà per niente di seguire il figlio e di provvedere alla sua educazione). Al rifiuto di assistenza della famiglia del marito, prese il bambino e vestita a lutto e lacera, si avviò verso Cortona, decisa ad intraprendere la strada della penitenza, dell’umiltà, della preghiera e del servizio ai più poveri. Ideali non certo nuovi in terra d’Umbria e zone vicine.
Il vento del francescanesimo soffiava ancora, forte e invitante, anche in quegli anni. E Margherita si lasciò trasportare. Arrivò fino al convento dei frati, decisa a chiedere il saio della penitenza e iniziare così, decisamente e pubblicamente, una nuova vita. Ma il frate guardiano non la pensava così: rifiutò infatti di accoglierla perché, secondo lui, l’aspirante alla penitenza era “troppo giovane e troppo bella”. Non avrebbe perseverato. C’è da sorridere.
Dopo tre anni di insistenza fu ammessa nel Terzo Ordine francescano, vestendo il mantello penitenziale. Le fu quindi concessa una piccola cella, a fianco della chiesa di San Francesco di Cortona. Visse di penitenza durissima, di preghiera, di servizio agli ammalati poveri. Seppe anche organizzare, con alcune volontarie chiamate Poverelle, l’assistenza gratuita a domicilio. Nel 1278 fondò anche l’Ospedale Casa di Santa Maria della Misericordia (ancora esistente), diventando per i malati non solo infermiera, ma anche amica, confidente e all’occorrenza cuoca e questuante.
Un giorno ebbe anche il coraggio di tornare al suo paese natale Laviano, ed in chiesa durante una celebrazione eucaristica chiese il pubblico perdono per i suoi trascorsi giovanili non edificanti. Si adoperò anche per portare la pace tra varie fazioni combattenti della città. Non visse quindi estranea alle cose del mondo circostante, pur essendo profondamente presente a Dio.
Margherita ebbe anche una intensa vita contemplativa, con esperienze mistiche e visioni, nella contemplazione della Passione di Cristo. Lei non scrisse niente ma le sue esperienze spirituali (visioni e dialoghi con Cristo) furono riportate dal suo biografo e confessore francescano Fra’ Giunta Bevignati.
Margherita da Cortona è una figura molto importante nel movimento e nella spiritualità francescana. Non per niente è stata chiamata la Terza Stella del francescanesimo (dopo Francesco e Chiara).
Ci fa anche capire oggi che la santità è sempre possibile, per tutti. Che la misericordia di Dio è sempre disponibile, per tutti. Ed è interessante che quando qualcuno del popolo la chiamava “nuovo sole” ella lo rimproverava indicando il Cristo come il vero Sole e l’unica Luce che salva.
Alla morte della santa (22 febbraio 1297) si decise di costruire una chiesa in suo onore, a fianco dell’antica chiesetta di San Basilio che Margherita stessa aveva restaurato dopo averla scelta come luogo di penitenza e di preghiera.ll santuario è dedicato alla figura di Santa Margherita, patrona di Cortona .

Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Contenuti simili

ESTATE A CORTONA

Sagre gastronomiche

GIOSTRA DELL'ARCHIDADO

Città di Cortona

CANTUCCI TOSCANI

di Villa Farnia Cortona

JOVANOTTI

e la Città di Cortona

VINI DOC

Cortona Toscana

FIRENZE

La culla del Rinascimento

63^ MOSTRA MERCATO DEL VITELLONE

12 Marzo 2016 Cortona

SCOPERTA TOMBA ETRUSCA

Chiusi Arezzo

CORTONA AREZZO

Toscana

SANTA MARIA DELLE GRAZIE

Calcinaio Cortona

LE OFFERTE DI VILLA FARNIA
La magia di una vacanza in Toscana per tutta la tua famiglia o per coppie in cerca di tranquillità e relax...


Iscriviti alla nostra Newsletter

Resta informato sulle nostre attività.
Ti promettiamo di inviarti solo informazioni di qualità.